• , , , , , , ,

    KOI (Intervista a Lorenzo Squarcia)

    Nel 2017 ero a Tokyo e, insieme a Mia san, decidemmo di partire per Sukagawa, nella prefettura di Fukushima. Non era la tappa di uno di quei macabri tour di visita ai luoghi del disastro del 2011: la mia amica mi aveva convinto ad andare proprio lì perché voleva fare qualcosa per le persone che ancora ci vivevano e che lei conosceva.

    Leggi tutto

  • , , ,

    KYOTO - OSAKA (al sapore di cioccolato)

    Allora è proprio l'ultimo giorno. Tra poche ore un aereo mi porterà a casa e in una settimana dimenticherò l'odore dei Konbini e di tutti i the che ho assaggiato in questa vacanza. Mi sono alzato praticamente all'alba perché volevo vedere sorgere il sole dalla finestra e illuminare la stazione.

    Leggi tutto

  • , , , , , , ,

    LA BIZZARRA LEGGENDA DEL MANEKI NEKO

    Il Maneki Neko è un gatto in ceramica che spesso si vede nei ristoranti giapponesi o cinesi. Ha un collarino rosso intorno al collo, un campanellino ed è appoggiato su una moneta. È simbolo di fortuna e ricchezza. Come ha fatto un tenero gattino kawaii a diventare l’emblema dell’avidità del capitalismo orientale?

    Leggi tutto

  • , , ,

    KESOBUMI (LA LETTERA D'AMORE)

    Il nome dell'Omamori Kesobumi si può tradurre come "lettera d’amore". Cos’è un Omamori? Un amuleto giapponese dedicato a divinità shintoiste o buddiste. È piccolo e tascabile e protegge da eventuali incidenti durante i viaggi, dai brutti voti a scuola e fa persino guadagnare palate di soldi.

    Leggi tutto

  • , , , , ,

    LA TERZA VOLTA (landed)

    Dopo lo stop di un giorno dovuto a uno sfortunato Overbooking (QUI se volete ripassare) finalmente siamo riusciti a mettere piede sull'aereo. Tra 11 ore e 30 minuti, secondo l'annuncio del comandante, visto che abbiamo il vento a favore, sarò in Giappone e potrò sfondarmi di cibo ai Konbini, farmi legare come una Polena su un treno della Yamanote Line oppure vivere dentro un distributore di bibite per rubare le monetine agli assetati.

    Leggi tutto

  • , , , ,

    TOUGH BOY (Arrivederci Masami Suda)

    Michael, Marco e Paolo erano i miei compagni di classe delle elementari con cui facevo comunella. Sembravamo i 4 moschettieri. Ci piacevano i transformer, bisticciavamo per chi doveva essere il leone nero del Voltron e una volta fummo cacciati dall’oratorio per istigazione alla violenza.

    Leggi tutto

Total: 21